Questo sito utilizza i cookie per darti una esperienza di navigazione migliore.

Le 12 Porte: Naturopatia - Astrologia - Peat e DP4 - Trattamenti Energetici e Consulenza

LA LEGGE DELLA RISONANZA - di Stefano Reguzzi Naturopata

La legge di risonanza è quella legge che "spiega" la connessione profonda tra i corpi celesti (pianeti) e ciò che sulla Terra "vibra" esattamente come la parte celeste (piante, minerali): ciò è alla base della medicina alchemica. Il simile attrae il simile, così in alto così in basso, macro e micro cosmo in continua correlazione. "Se vuoi scoprire i segreti dell’Universo, inizia a pensare in termini di energia, frequenza e vibrazione” diceva  Nikola Tesla. E’ quello che dice la Legge della Risonanza secondo cui  attiriamo nella nostra esistenza situazioni e persone che “vibrano” alla nostra stessa frequenza, che sono in risonanza, appunto, con il nostro campo energetico. Cosa vuol dire? Il significato è sostanzialmente che due cose simili si attirano e si amplificano. Due cose differenti si respingono. La legge della Risonanza, o dell’ attrazione, fa parte delle 7 leggi universali, alcune abbastanza conosciute come per esempio quella del karma, o causa ed effetto, che dice che” ogni azione genera un’energia stabilita, che con la stessa intensità ritorna al punto d’origine”. La Fisica Quantistica ci spiega che l’universo è uno spazio di infine possibilità e che i nostri pensieri sono potenziali realtà che potrebbero avverarsi. Tutto è collegato, tutto è connesso e il caso non esiste. La legge dell’attrazione ci conferma proprio questo, che siamo responsabili della nostra vita al 100%, che l’energia si dirige dove poniamo la nostra attenzione, che attraiamo gli eventi e le persone che sono sulla nostra stessa lunghezza d’onda, in coerenza con il nostro campo magnetico. Inoltre, secondo questo codice universale, un’ altissima percentuale (oltre il 90%) di ciò che siamo come pensieri, desideri e convinzioni alberga nel nostro inconscio e ciò che arriva nella nostra vita  corrisponde solo  a ciò che ci è destinato. Secondo questa legge ogni corpo possiede proprietà vibrazionali tali per cui se nell’ambiente si attiva una specifica vibrazione, solo chi è in grado di captarla inizierà a vibrare all’unisono con essa, tutti gli altri no. Un esempio: un diapason sintonizzato sulla nota LA inizierà a vibrare quando nell’ambiente si propagheranno le frequenze del LA. In presenza di frequenze della nota RE esso rimarrà immobile e silenzioso.

«In principio era il Verbo (Logos) e il Verbo era presso Dio, e Dio era il Verbo. Questi era in principio presso Dio. Tutto è stato fatto per mezzo di Lui, e senza di Lui non è stato fatto un solo essere che sia stato fatto. In Lui era la vita, e la vita era la luce degli uomini. E la luce risplende nelle tenebre, ma le tenebre non l'hanno afferrata». In tutte le scritture antiche - non necessariamente quelle legate alle religioni, sia orientali sia occidentali - troviamo sempre delle importanti indicazioni che spiegano l'origine delle cose e di come "funziona" l'universo, magari con parole non legate alla Fisica Moderna ma, se le analizziamo bene, in realtà sono più connesse alla Fisica Quantistica e a tutto ciò che di "questi tempi" sta emergendo (in realtà, riemenrgendo) in modo prorompente, cosa che desta - sempre di più - stupore e meraviglia legata alla Vera Conoscenza Antica. All'inizio della Genesi, Dio pronuncia la sua parola nel momento stesso della creazione: «Dio disse: "La luce sia", e la luce fu». Nella sua drammatica riscrittura dell'Antico Testamento, l'evangelista capovolse completamente (sia pure sostenuto da alcune frasi del Libro della Sapienza) il testo biblico. Si inoltrò molto prima della creazione, affermando che il Verbo esisteva già allora, presso Dio, identico a Dio, quando lo spazio era vuoto. «Glorificami davanti a te - dice Gesù, - con quella gloria che avevo presso di te prima che il mondo fosse»: «...la gloria che tu m'hai dato, perché tu m'hai amato prima della creazione del mondo». Noi non sappiamo altro: non conosciamo quale fosse la vita di Dio, del Verbo e dello spazio, e nemmeno se esistesse uno spazio vuoto. Sappiamo soltanto che, già allora, c'erano il Padre ed il Figlio, e si riflettevano l'uno nell'altro — amore, vita, dono, parola, obbedienza, insegnamento. Per contro, in oriente, il suono era alla base di tutto, l'OM, la frequenza primordiale che tutto pervade, che tutto crea e che tutto distrugge. Insomma, "sto suono" ce lo riportano tutti, da sempre, ma ancora abbiamo poco compreso l'importanza di queste affermazioni o, meglio, Verità.Il Verbo è la parola, il suono, l'Om primordiale, la nota ancestrale generata in primis e generante il Tutto.... si parte da qui. Quando un'onda sonora si propaga non c’è trasporto di materia bensì un moto oscillatorio attorno alla posizione di quiete. Al suono appartiene una caratteristica speciale, la LA LEGGE DELLA RISONANZA: è un particolare fenomeno che determina che un corpo vicino a un altro corpo che vibra con una certa frequenza, inizi anch’esso a vibrare con la stessa frequenza. Ciò, come si è visto anche nella LA LEGGE DELLA RISONANZA, porta a far "vibrare" - indipendentemente dalla distanza di due "oggetti" allineati per frequenza (o "signatura" - come dicevano gli antichi). Da ciò, si apre un mondo di possibilità di utilizzo e di comprensione di come "funziona" l'Universo e le antiche conoscenze Astrologiche/Alchemiche.

 

N O V I T A'  2024PER CHI FOSSE INTERESSATO a

 

TRATTAMENTI di RIFLESSOLOGIA PLANTARE

e/o MASSAGGIO SVEDESE 

e/o MASSAGGIO con CAMPANE TIBETANE

può rivolgersi a

Riflessologo CARLO ROSENBERGER

(vedi profilo instagram - RILASSAMENTEECORPO)

Tel. 351.6024705 

presso lo studio di "Naturopatia Le 12 Porte di Stefano Reguzzi" in Piazza Statuto 15 - TORINO

 

All'interno di un Tema Natale (e, soprattutto, durante i suoi transiti ai pianeti di nascita) l'influenza di Nettuno è certamente quella più difficile da affrontare e da interpretare. Nettuno è mistico e ingannatore al tempo stesso, elevatore alle frequenze più alte del cielo e veicolo medesimo verso le illusioni e gli inganni più profondi, attivatore della visione interiore e potente deviatore dalla realtà. Nettuno è i fascino illusorio da superare, il grido delle sirene" da non ascoltare ma, anche, il percorso iniziatico più profondo e vero verso l'illuminazione. Nella sua forma "semplificata" rappresenta il confronto tra Buddha e il demone ingannatore Maya. Da qui, un vero e proprio casino cosmico.

Nettuno, all'interno del nostro quadro astrale, ci mostra in quale settore della nostra vita "ce la raccontiamo" e/o rischiamo di "prendere lucciole per lanterne", oltre al fatto di poter manifestare il nostro potere creativo e spirituale. Nettuno ci rende sovente la vita confusa e poco chiara; le persone, sotto il suo influsso, credono alle cose più improbabili e impossibili, oltre a renderle autolesioniste, o a sentirsi indegne di tutto, futili, buone a nulla, e spesso letargiche, passive e scoraggiate. Oppure, nella sua veste benefica, rende capaci di atti di grande altruismo o di eroismo, fino al martirio.

PERCHE' L'ASTROLOGIA ?  CHE COSA PUO' FARE  ?

I problemi e i conflitti - nella psiche e nell'emotivo, nonché nell'anima - sorgono sempre quando un potenziale esistente non è vissuto o è vissuto in modo errato o incompleto. L'astrologia serve - in primis - allo sviluppo della personalità, cioè a scoprire ciò che è nel profondo di ognuno di noi, come in un semeIl tema natale fornisce informazioni su tutte le nostre potenzialità e abilità, sulle nostre parti dell'anima che vogliono svilupparsi ma, anche, ciò che ne ostacola la piena espressione e perché. Noi, in questa vita, abbiamo il compito di manifestare ciò chi veramente siamo, come diceva molto bene C.G. Jung che ha da sempre parlato di individuazione e di perfezione dell'anima. La tua anima (psiche greca = farfalla) vuole dispiegarsi. 

L'astrologia è antica quanto l'umanità ed ha le sue origini nell'antica Mesopotamia. Una volta era chiamata la Regina delle Scienze, prima di essere degradata dall'Inquisizione Scientifica alla divinazione, cioè alla predizione della fortuna. Tuttavia, l'astrologia psicologica seria ha poco a che fare con la sfera di cristallo. Inoltre, gli articoli nelle riviste scandalistiche sul cosiddetto segno zodiacale sono piuttosto divertenti, ma non descrivono neanche di striscio la complessa personalità individuale.

L'astrologia è un antico linguaggio simbolico che dev'essere compreso correttamente: corrisponde alla legge ermetica dell'analogia "come sopra, così sotto". Giustamente interpretato, ciò significa che tutto ciò che accade sulla terra è uno specchio di ciò che sta accadendo nel cielo e, di conseguenza, dentro di noi. È importante capire che le stelle non ci influenzano o ci controllano, ma gli eventi accadono allo stesso tempo, si potrebbe anche dire in modo sincrono. Il concetto di sincronicità era già stato descritto dallo psicologo del profondo C.G. Jung come due eventi causali, cioè senza una relazione causale, che correlano temporalmente che sono in una connessione significativa.

Ultimi Articoli

Login Form

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Iscrivendoti alla newsletter, accetti le condizioni di utilizzo e la privacy policy. Se non le hai ancora lette le puoi trovare qui. 

NATUROPATA STEFANO REGUZZI

Consulenza naturopatica e astrologica, percorsi individuali, trattamenti olistici. 

 

P.zza Statuto, 15 - 10122 - TORINO - +39 348 16 90 146

P.IVA 10887410016 - C.F. RGZSFN69P13B157J

Copyright © 2024 Naturopata Stefano Reguzzi - Piazza Statuto 15 - 10122 Torino. Tutti i diritti riservati.
Joomla! è un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.